Quando l’antico e il futuro si fondono, la mente si rende conto solo a posteriori dell’accaduto e lo studio e l’intuizione si mescolano  fra loro; così sono nate quelle che ho chiamato Matrici del Tempo.

Matrici perché si va appunto all’origine del disagio, nel momento in cui è cominciato in questa o in altre vite, perché il tempo non è una dimensione in una direzione ma comprende varie dimensioni e direzioni, come ci insegna la fisica quantistica.

Infatti, quando si lavora sulla propria linea temporale del passato, o spirale, si lavora su tutti i piani dell’esistenza, in tutti i tempi e in tutte le direzioni.

Di questo mi sono accorta a poco a poco, lavorando con le persone e provando io stessa ad entrare in questo spazio sacro che, proiettato nelle tre dimensioni della nostra prospettiva, diventa una spirale doppia con una entrata e una uscita ma che in realtà è formato da due vortici energetici che si toccano all’apice.

Albert Einstein

Mi sono sempre chiesta: ”se vado all’origine del problema, a lavorare direttamente con quell’avo e risolvo lì il corto circuito, cambio qualcosa sui discendenti?
Faccio un viaggio nel tempo!

Se avete visto qualche film in cui il protagonista va indietro nel tempo e cambia qualcosa magari combinando qualche guaio, nelle Matrici del Tempo succede qualcosa di simile ma il potente campo energetico in cui si entra non può sopportare squilibri ma solo riequilibri quindi non c’è pericolo di fare danni.

Come si usa questo strumento?

Sia in sessione individuale che in sessione di gruppo.
In sessione individuale si evidenzia una problematica da risolvere e la si lavora, come dico io, entrando nella doppia spirale.
Si sa quando si entra ma non quando si esce, la sessione può durare da una a due ore e a volte si interrompe per continuare la volta successiva.

Cosa succede realmente durante una sessione singola?

Partendo da un punto preciso del passato si cammina fino al presente e poi cambiando direzione entriamo nel futuro e puliamo anche quello, cosicchè  la persona non ha più nessun ingombro per entrare in azione.

Ogni qualvolta il cliente avverte un disagio, un blocco nel corpo o a livello emotivo ci si ferma e si usano svariate tecniche per lasciare andare ciò che si può e si deve per permettergli di sganciarsi da quei cordoni energetici del passato che lo fermano.
Questo sistema va avanti fino a quando la persona può tranquillamente percorrere la spirale avanti e indietro dal passato al futuro senza difficoltà.

E lì, in quelle due spirali concentriche succede il miracolo, viene fuori tutto, nostro e non, tutto ciò che va risolto per liberare la propria vita riguardo quella tematica.

E’ come entrare in un acceleratore, rimarrà solo quello che serve ed è utile per se stessi e le generazioni future che verranno da noi.

A cosa serve?

Le Matrici del Tempo sono utili per affrontare qualsiasi tematica: problemi fisici, relazionali, di lavoro, emotivi.
I risultati sono assolutamente naturali e duraturi poiché quello che succede è un “riorientamento della propria bioenergia e una riprogrammazione dell’ inconscio per quello che in questo momento può fare, senza nessuna forzatura o pressione”.

Camminare le Matrici del Tempo o sessioni di gruppo

Un altro sistema per usare le Matrici del Tempo è con un lavoro di gruppo dove si camminano le spirali come fossero dei labirinti per connettersi con parti di noi sconosciute che vengono e vanno lontano; si può chiedere una risposta per qualcosa che ci preme, sicuri che la avremo se sapremo ascoltare la nostra anima.

I gruppi si tengono sia in luoghi chiusi, studi e centri vari che in luoghi aperti nella natura; sensazionale è stata l’esperienza dello scorso 21 luglio in riva al mare al tramonto.
Prossimamente verranno programmate esperienze nel bosco e in altri luoghi con una speciale energia.

Questa modalità di lavoro è molto suggestiva ed arcaica.
E’ possibile ottenere risultati importanti, una grande pace nel cuore e fiducia nella vita e nel mondo, un’accettazione delle proprie dinamiche e il riconoscimento delle stesse con la possibilità di distaccarsi dal problema e di vederlo in seconda persona, questo a volte permette di risolvere già il dubbio o la tematica stessa.

I partecipanti a questa esperienza in riva al mare hanno riferito di essersi sentiti rilassati e centrati e contemporaneamente elettrizzati e stimolati ad entrare in azione nella propria vita.

Le Matrici del Tempo è un mezzo antico e nuovo di guarigione, di riequilibrio degli scompensi energetici di cui soffriamo, un modo per cambiare credenze e ritrovare la pace, un modo di affrontare una questione di lavoro, di decidere se è opportuno entrare in relazione con una certa persona o meno, insomma uno strumento semplice ed essenziale per riconquistare il proprio potere personale e scoprire quelle risorse sepolte dentro di noi che possono fare la differenza nella nostra vita.

Se vuoi organizzare un evento di Le Matrici del Tempo nella tua città chiama il 328 2590348.

© Copyright - Anima L'Anima