Vivere vuol dire emozionarsi!

di Claudia Ricci

Emozione dal latino emovere cioè muovere fuori, smuovere.
L’emozione è qualcosa che fa spostare qualcosa dentro di noi da cui urge il bisogno di tirare fuori, mostrare ciò che si prova.
Niente di più vero!
Non far fluire le emozioni ma reprimerle è dannoso per la nostra salute, lo sappiamo per esperienza non solo perché lo dicono i medici.
Vediamo allora i collegamenti fra emozioni primarie ed organi.

Fegato – Rabbia
Cominciamo dalla rabbia; forse l’emozione più comune e celata in questi tempi dove si indossa continuamnente maschere sorridenti quando dentro ci arrovelliamo di rabbia appunto!
La rabbia è collegata al fegato di cui è l’emozione ombra, insieme al rancore, invidia e frustrazione.
Il fegato questo grande attore che sintetizza le proteine e produce e accumula energia, simbolicamente trasforma la materia in energia ed è di fatto un grande laboratorio chimico.
Un suo squilibrio indica lo scompenso fra che ciò che entra e la capacità di elaborarlo, quindi una disfunzione al fegato mostra una mancanza di accettazione e di responsabilità nell’accettazione e realizzazione della propria natura.

Polmoni – tristezza.
La  funzione dei polmoni è quella di permettere la respirazione, e far entrare e uscire l’aria, che è la vita stessa.
Respirare a pieni polmoni significa accogliere l’energia della vita senza timore, senza paura, perché i nostri polmoni siano sani dobbiamo vivere intensamente e con coraggio la nostra vita, lo squilibrio della energia polmonare porta infatti tristezza, debolezza, depressione e solitudine.

Reni – paura
I reni servono per l’eliminazione delle scorie dell’organismo e alla sua depurazione, é come se fossero un piccolo mare che filtra il sangue tramite correnti interne, quindi una culla ancestrale dove forte è il concetto di protezione e tenerezza.
Ed è proprio dalla mancanza di consapevolezza della propria capacità di proteggersi e difendersi dalle aggressioni che nasce la paura.
La paura nasce da tutto ciò che non conosciamo e si vince solo attraverso l’esperienza.

Milza – ansia
La milza rappresenta il motore dell’energia che assumiamo attraverso l’alimentazione ed è strettamente collegata allo stomaco. Il nutrimento emozionale negativo per questo organo sono proprio le preoccupazioni e le rimuginazioni che la persona produce nell’immaginarsi nel futuro e da qui scaturisce l’ansia.

Intestino – sensi di colpa
Assorbimento del cibo ed espulsione delle scorie questa la funzione fisiologica mentre simbolicamente indica il saper discernere fra il bene ed il male.
L’intestino è il nostro tunnel interiore, luogo di passaggio e rappresenta la capacità di vivere con amore e consapevolezza, il saper lasciare andare ciò che non serve più senza attaccamento.
Niente di più dannoso quindi il vivere di ricordi o serbare rancore per il passato perché ciò equivale a dire al nostro organismo di trattenere e custodire tutti i prodotti di scarto e riempirci di tossine e veleni.
Questo sia sul piano prettamente fisico che emotivo, quindi via sensi di colpa, controllo e attaccamento per far posto a generosità e capacità di lasciar andare il controllo stesso.

Ciò che ci accade fuori è sempre in rispondenza al sentito interno , le emozioni ce lo mostrano, muovono fuori il nostro sentire profondo, quindi non solo sono preziose ma sono l’unico modo per leggersi ed ascoltarsi.
Lasciarle fluire non vuol certo dire reprimerle ma gestirle in modo naturale imparando ciò che c’è da imparare ed aggiustando ciò che c’è da aggiustare per vivere una vita dove le emozioni come gioia, allegria e leggerezza la facciano da padroni!
Mi emoziono e quindi sono vivo: evviva!