Essere o avere

di Claudia Ricci

Essere o Avere?
Questo è il problema!

Cito scherzosamente il grande Shakespeare per porre l’attenzione su come nella mente dei più esista questa dicotomia, ovvero se si ha molto si è poveri di spirito e viceversa.
Quasi si ha l’impressione che le due cose non siano proprio conciliabili, perché mi domando?
Cosa c’è di male ad avere molte possibilità economiche e insieme essere consapevoli e di spessore etico e morale?
Potremmo parlarne per ore, sicuramente l’imprinting cattolico ha la sua parte di responsabilità ma è anche vero che il denaro di per se non è buono o cattivo, il denaro è un flusso energetico e può essere usato per fare grandi cose anche dal punto di vista umano o semplicemente sprecato nell’acquisto dell’ennesimo gioiello o auto di lusso.
Il denaro è energia quindi e se non lo si ha o non è abbastanza non serve a nulla imprecare contro il mondo, la crisi e la sfortuna, se non si riesce a trattenere denaro nelle nostre tasche dipende solo da come siamo sintonizzati nei confronti di esso.
E’ molto significativo vedere con i proprio occhi che rapporto energetico si ha con i soldi veri, i bigliettoni per intenderci.
Come si fa? Basta auto-testarsi o meglio ancora farsi testare kinesiologicamente tenendo in mano dei soldi appunto.
Se il test risulta forte a 5, 10, 20, 50 euro non c’è male ma vediamo cosa succede con una banconota da 500 euro? Che strano le dita sono diventate di burro non riescono a tenere la presa!
Se accade questo, e può accadere anche con banconote di taglio molto più piccolo ahimè(!), vuol dire che la mente inconscia per qualche sua ragione non ritiene buono, sicuro o positivo ciò che avete in mano e farà di tutto per farvene stare alla larga!
Ma come, direte voi, io ce la metto tutta per guadagnare di più!!!
Tutto dipende da ciò che è fissato nel subconscio riguardo al possedere denaro in abbondanza, ai giudizi e alle emozioni che ciò vi fa scaturire.
La buona notizia è che si può cambiare tutto questo, la meno buona è che ci vuole volontà, perseveranza e decidere di intraprendere un percorso di crescita personale, lavoro sulle proprie matrici, coaching, quel che volete ma seriamente.
Il primo passo è quello che scatta dentro quando decidete di risolvere, la decisione è già un cambio vibrazionale riguardo al problema o sfida che si voglia chiamare.
Quindi, a questo punto, vi chiedo voi cosa avete deciso?
Vi assumete la responsabilità della vostra vita o date la colpa agli altri, al governo, all’Italia, al mondo?
Non è facile andare controcorrente, contro gli schemi dell’uomo medio, perché tutto rema contro ma, che io sappia, è l’unica maniera per trovare se stessi e ripulirsi da ciò che non è funzionale per la nostra felicità.
Una felicità che deve essere ora, in questa vita e non rinviata alla prossima o all’oltretomba.
Non c’è alcun male nel voler essere felici, non è un atto di egoismo ma semplicemente una legittima e naturale aspirazione dell’essere umano.
Aggiungo anche che non dipende dai soldi, dal successo o dai risultati raggiunti ma è uno stato di completezza dell’essere che aiuta nell’affrontare anche grandi sfide e disagi.
Siamo corpo, mente, emozioni, psiche, inconscio e chissà quanta altra roba e mettere tutti i livelli d’accordo non è sempre facile ma vale davvero la pena provarci.
In tutto questo il piano materiale, o involucro come lo chiamo io, non solo è immanente ma sostanziale, perciò dobbiamo averne cura!
Curiamo il nostro corpo, di quello ne abbiamo davvero uno solo!
Le nostre relazioni e la nostra capacità di creare abbondanza!
Abbondanza che come un fiume inonderà tutti gli aspetti della nostra vita, anche quello economico, e allora potremo finalmente “Avere ed Essere” nello stesso momento!

Share Button
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *