La dipendenza affettiva, questa sconosciuta

di Claudia Ricci

A quanti di voi è capitato di non riuscire a chiudere una relazione anche se vi rendete conto di quanto sia tossica?
A molti immagino, infatti molti sono coloro che soffrono di dipendenza affettiva.
Ma cosa vuol dire essere dipendenti affettivamente dal proprio partner?
Di solito le donne sono le più colpite da questa “sindrome” e sono donne apparentemente forti che hanno un passato di bambine non accolte e sostenute dal padre, bambine che pur di farsi accettare e amare da lui avrebbero fatto carte false anche nascondere la loro femminilità o esasperarla a seconda dei desideri paterni.
Tutto ciò viene ripetuto anche con gli altri uomini di riferimento e pur di sentirsi amate accettano molto, troppo, diventando dipendenti da una carezza e da un amore altamente condizionato e condizionante.
Tutto ciò agisce a livello inconscio e mentalmente ci si rende conto solo di non riuscire a tagliare o peggio ancora se ne parla continuamente magari con amici e parenti ma quando si è sul punto di dire basta qualcosa ci blocca, un peso al cuore ci ferma nell’azione.
La paura ha il sopravvento, la paura di cosa?
Di non farcela da sola, di rimanere sola, di essere egoista, di fare un errore irreparabile… e queste sono le vere ragioni per cui ci si blocca ed è da li che si potrebbe risolvere il problema andando a rincuorare quella bimba e risvegliando tutte le risorse di cui necessita.
Ogni storia è diversa per mille ragioni e le sfumature di dipendenza affettiva sono infinite ma alla base c’è sempre una profonda insicurezza e non accettazione di sé stessi
Ma non solo le donne hanno problemi di dipendenza affettiva, anche gli uomini hanno simili attaccamenti e a volte li fronteggiano in maniera violenta se questo è stato il modo in cui hanno visto comportarsi il padre.
Difficilmente si sente parlare di violenza fisica da parte di una donna su un uomo e troppo frequentemente invece si sente di uomini che, non accettando una separazione, addirittura uccidono la loro compagna.
Senza addentrarsi in giudizi di sorta, certamente la dipendenza affettiva genera sofferenza e frustrazione e un ulteriore allontanamento da sé stessi che alla fine è la cosa più grave di tutte.
La buona notizia è che se ne può uscire con volontà e lavorando proprio per irrobustire quella autostima così fortemente lesa in famiglia d’origine, come diceva il padre della PNL Richard Baldler: ”non è mai troppo tardi per avere un’infanzia felice” e aggiungo io non è mai troppo tardi per diventare la miglior versione possibile di sé stessi, ovviamente senza essere dipendenti affettivamente da nessuno.

Share Button
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *